Al Duomo

Prima di creare evòo, abbiamo disegnato questo locale, una sfida davvero interessante perché ci ha permesso soprattutto di mostrare la nostra vena più artigiana e di connetterci profondamente con la città.

Alberto & Stefano

Precedente
Successivo

Un passo indietro.

Il locale esistente era piccolo, ristrutturato molti anni fa a discapito di spazio e luce e privato della bellezza di un soffitto di travi. Era un buco fumoso, un po’ borderline della città, se vogliamo.

Si affaccia su Piazza Duomo, cuore della città di Belluno, sede della Prefettura e del Comune, culla del Museo Civico e l’Auditorium.

Non ci abbiamo messo molto a capire che per questo bar serviva ridare spazio a ciò che siamo, un popolo di scultori e fabbri illustri.

Ridare vita al soffitto originario è stato il punto di partenza per fare di questo elemento così importante per Belluno, il filo conduttore delle varie zone del bar. Dal banco al retrobanco, dalla scelta della madia a quella della zona di consumazione ai tavoli.

Ricreare la piazza, una sfida!

Al sole della piazza abbiamo studiato i portici del palazzo della Prefettura per scolpirli all’interno del locale intrecciando legno a marmo, materia calda a materia fredda, superficie viva e nervosa a superficie asettica e liscia.

Qui dentro c’è una caffetteria, un’osteria tipica del Veneto, un locale per la pausa pranzo, la movida serale.

Design e arredo, scelte importanti

Una piccola pedana in legno valorizza le consumazioni al tavolo, un angolo curato attraverso una scelta mirata di materiali, tessuti e colori in grado di armonizzarsi con il legno dando ancora respiro al locale. Una parte del bar che abbiamo deciso di incorniciare con una ringhiera in ferro battuto, rigorosamente forgiata da un fabbro bellunese, a segnare ancor più il nostro legame con quell’artigianato che ha reso famosa la nostra provincia, culla di grandi Maestri.

Ogni dettaglio è un angolo della città

Di carattere, Al Duomo è stata la sfida con cui abbiamo omaggiato la bellezza dell’arte e della storia, un locale che si è inserito con rispetto ed eleganza, entrando quasi in punta di piedi tra i palazzi che lo circondano e che oggi condividono con lui la vita della comunità.